Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

Il nostro ecosistema – che varietà!

Vale la pena promuovere la diversità

Piccoli portafortuna
Le coccinelle sono ospiti permanenti molto utili – non a caso sono i simboli della Mela Val Venosta! 
Di pari passo con la natura

L’agricoltura sostenibile non fa soltanto bene alla coscienza ma ha soprattutto senso per la natura e per chi ci lavora ogni giorno.
Lo sappiamo tutti: Se fai del bene avrai del bene e per questo sono i produttori stessi ad approfittare maggiormente di un lavoro in armonia con la natura. Infine si tratta del loro terreno che a un certo punto sarà il futuro dei loro figli. Solo per questo vale la pena proteggerlo. Ecologico – una scelta logica.

L’ecosistema del frutteto – habitat di molti animali e piante

Vi siete mai guardati intorno in un frutteto? Allora avrete osservato che si tratta di un posto molto vivace: L’erba, le erbe aromatiche e i quadrifogli nei ed intorno ai frutteti sono pieni di vita. Per essere precisi: Tra le 25 e le 50 specie di piante offrono spazio e cibo per innumerevoli aracnidi, insetti ed altri piccoli esseri viventi. È ovvio che una tale biodiversità deve essere protetta. Ma come?

La patria della biodiversità

„Vivere e lasciar vivere“ – è questa la semplice formula magica dei produttori venostani. Creando un nuovo frutteto fanno attenzione a creare e proteggere habitat per piante ed animali. Insetti, piccoli rettili e mammiferi trovano un nascondiglio nelle siepi e nelle cavità dei muri a secco e dei cumuli di pietre. Alti alberi isolati rappresentano un aiuto importante per l’orientamento dei microchirotteri e sono un ideale luogo di nidificazione e riproduzione per gli uccelli. Fossati ed altre zone umide sono luogo di ritiro per molte specie animali autoctone mentre i ricci si sentono a loro agio in cataste di legna o sterpaglie.I produttori approfittano di gran parte degli esseri viventi nei frutteti perché – per dare solo un esempio – tengono lontano parassiti.

Causa comune: api e contadini

Le api sono particolarmente benvenute nei frutteti. Sono indispensabili per l’impollinazione dei fiori e per tutto l’ecosistema. E la cosa migliore: Le api amano la vita nei frutteti della Val Venosta! Ogni anno in primavera scambiano molto nettare con fiori impollinati. Un buon affare per entrambi perché i contadini e le api sono veri amici.
 

Condividi

I veri amici condividono tutto.

Altri articoli

Potrebbe anche interessarti