Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

In arrivo le ciliegie della Val Venosta

Il clima ha favorito qualità e quantità

11/07/2022

È in partenza la raccolta delle ciliegie di montagna di VIP. Inizierà in questi giorni e si prevede durerà fino a metà agosto. I volumi, complici le condizioni climatiche favorevoli registrate nei mesi scorsi, con temperature fresche ma miti e nessuna gelata, si prospettano decisamente più alti di quelli dell’anno scorso, in cui le gelate primaverili avevano compromesso parte della produzione. Si prevede che i volumi si attesteranno sulle 700 tonnellate.

Il clima benevolo ha favorito la maturazione di un prodotto qualitativamente molto valido. I teli anti-pioggia proteggeranno con efficacia i frutti in caso di precipitazioni nei giorni della raccolta.

Le varietà sono quelle tradizionali della Val Venosta, Kordia e Regina, dolci, caratterizzate da colore rosso scuro, grandezza dei frutti e polpa soda. Ma in un prossimo futuro ci potrebbero essere novità. “In collaborazione con il Centro di Sperimentazione Laimburg - precisa infatti Reinhard Ladurner, responsabile vendite ciliegie dell’Associazione dei Produttori Ortofrutticoli della Val Venosta - stiamo facendo delle prove con nuove varietà”. Le ciliegie di montagna si distinguono da quelle di pianura per il sapore particolarmente intenso, oltre che per la croccantezza della polpa, dovuti alla maturazione più lenta sull’albero.
La distribuzione avverrà per il 50% attraverso i mercati all’ingrosso e per il 50% attraverso la GDO. Il 90% del prodotto sarà destinato al mercato interno, principalmente al Centro Nord: Trentino-Alto Adige, Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Liguria e Toscana. “Con qualche pedana - riporta Ladurner - arriveremo anche al Sud, Sicilia e Sardegna comprese”. Il 10% del raccolto sarà rivolto all’export, destinato a Germania e Austria.

La coltivazione delle ciliegie della Val Venosta avviene in parte secondo il metodo dell’agricoltura biologica e in parte secondo quello della produzione integrata. “In entrambi i casi, alla base di tutto il lavoro c’è la volontà di essere sostenibili per l’ambiente e dare vita ad un prodotto naturale e genuino", sottolinea il responsabile vendite Ladurner.
 

Condividi

I veri amici condividono tutto.

Altri articoli

Potrebbe anche interessarti

 
Tutti gli articoli